sabato 12 dicembre 2009

quando un account e pure un incivile ignorante e...

Non so se si sia capito, probabilmente no, ma non riuscivo più ad accedere al mio account, ogni volta che tentavo di entrare mi voleva far aprire un altro blog (no, grazie), e niente accesso alla casella di posta.
Però oggi, et voilà, sono qui. In casella ho trovato alcuni commenti al blog in un simil-rumeno, oltre a una mail piccata per una mancata risposta. Ma che ne so. Che diavolo sia successo mi è ignoto.

Mattina, ore 10.30. Sono davanti al parcheggio per disabili dove abbiamo parcheggiato. Dietro ce n'è un altro. Ci parcheggia uno, senza pass. Entra in un locale dove entrerò a breve anche io. Mentre fumo una sigaretta, lo seguo con lo sguardo, lui niente, mi vede ma niente. Poi torna indietro a prendere cose in macchina, gli chiedo se ha il pass, mi dice di no. Gli dico che è un parcheggio per disabili, gli chiedo (urlando, perché si stava allontanando e perché ero nera) perché abbia parcheggiato lì. Si volta mezzo secondo e mi risponde "Per comodità".
Ecco. Qui io mi vergogno, mi vergogno veramente di persone così ignoranti, italiane come me.
Non è la solita filippica di quella che prima, invece... No. Mai parcheggiato in vita mia in un posto per disabili. Piuttosto mezz'ora a girare come una trottola.

L'idiota se ne entra di nuovo nel locale, deve sbrigare una pratica.
Deve essere stato felice di vedermi entrare. Quando ad alta voce, mentre parlava con la commessa, gli ho detto davanti agli altri clienti: "Per comodità?! Lei parcheggia in un parcheggio per disabili per comodità?". Seguito battibecco con cui non tedierò nessuno, ma avrei voluto volentieri infilargli la testa in un cesso strabordante di escrementi (ho reso l'idea?).

Comunque il locale si chiamava "Scuola Guida" e a fare la prima lezione di guida, signore e signori, c'era la sottoscritta. Che giust'appunto la sera prima aveva fatto tardi, involontariamente, con un'amica, e che si è presentata in uno stato di dormiveglia. No, beh, l'aria gelata mi aveva fatto acquisire un certo livello di lucidità.

Che bello guidare. Che bello girare. Vedere luoghi, persone, cose.
Non mi interessa scendere, l'importante è salire e partire.

Non sono stata una chiavica, non sono stata eccelsa, qualche cazzata l'ho fatta, insomma me la sono cavata. L'istruttore è molto simpatico e mi ha parlato delle cose più disparate. Credo non abbia mai usato i suoi pedali.
Salire in macchina è la cosa che richiede più tempo, ho gambe rigide come legni, ma una volta dentro, sono andata, godendomela proprio. Ho incrociato guidatori molto più chiaviche di me, e senza la dicitura "Scuola Guida" dietro.

Ora alla ricerca dei soldi per la macchina. E della macchina. E degli ausili. La strada è ancora lunga.

P.S. Stasera non rispondo ai commenti del post precedente, perché si è esaurito il mio tempo di tolleranza alla scrittura e allo schermo del pc, prometto che lo farò a breve.

4 commenti:

Fabrizio - ikol22 ha detto...

Il tizio che potrebbe fare il paio con quell'altro che in un parcheggio coperto, palesemente contromano, alla mia osservazione fa eco con ghigno ebete per dire "Non me n'ero accorto" sapendo entrambi che non è così, è il tipico frutto dell'insegnamento che vuole il furbo prevalere, il ricco, il potente e lo stupido, non ripettare regole, non pagare tasse se ritenute esose, denigrare istituzioni e magari far leggi per sé. Come? Tutto ciò ha un nome? ... Oh non me n'ero accorto.

P.S. se la mail piccata è in due lingue e ti arriva da facebook potrebbe esser mia ;-)

Papikita ha detto...

SI, INFATTI ERI TU!
Ho creato l'account e poi ciao. Anzi sarà meglio che lo cancelli, tanto non serve a nessuno. Già faccio fatica a stare dietro il mio account personale...

tam ha detto...

ciao, come stai? come stanno le lezioni di guida? e Dasvi? ma è DasviDania? (sì, rido da sola) (sì, mi capita spesso) (anzi, quasi sempre).
rispondi, dai :)
un abbraccio,
tam

Papikita ha detto...

@tam: ciao, un po' di alti (pochi) e un po' di bassi (tanti), ma siccome sono testarda continuo con le lezioni di guida, quando non nevica. In genere accade che io prenoto la guida e il giorno prima bufera di neve! Ma che sfiga!
Se tutto procede, tra qualche settimana dovrei fare l'esame pratico.
Speriamo bene...