sabato 31 ottobre 2009

quando il materasso ad acqua

Eccomi.

E' che tra settembre e ottobre sono successe molte cose, quasi tutte sgradevoli se non proprio brutte, e non avevo testa per scrivere. Nessuna ispirazione.

Tra le altre ci sono quelle che mi riguardano, che sono:

  • febbriciattola ingiustificata
  • dita dei piedi come quelle del pesce palla, se solo il pesce palla avesse i piedi e pure le dita
  • piaga all'osso sacro peggiorata malamente nel giro di qualche giorno, e questo non è mai una cosa buona
  • coagulazione del sangue impazzita, che se mi faccio un taglietto con il bordo di un foglio probabilmente muoio dissanguata.

Tutte queste cose insieme. Ero un po' nervosetta.

Ora la febbriciattola è andata, delle dita dei piedi non so più nulla perché adesso indosso le calze, la piaga sta migliorando (avete mai visto quanto fa schifo una piaga da decubito? a me una volta la fisiatra, per mostrarmi il miglioramento, mi fece vedere a tradimento una foto di una mia piaga, è mancato poco che un attacco di tachicardia mi portasse all'obitorio), la coagulazione è sempre pazza ma stabile (il che è bizzarro: limiti i medicinali e il livello di coagulazione dovrebbe scendere, invece no, boh).

Mi hanno dato il materasso ad aria. Però i miei familiari sono stati a lungo convinti, prima che arrivasse, che si trattasse di un materasso ad acqua, che a me ricorda tanto Jerry Calà, non so se perché in uno dei suoi film (tipo: "Vado a vivere da solo") ce l'aveva o se perché è un'associazione così, senza motivo.
Già sento gli urletti di invidia da parte di quelli che sono costretti alla dura legge del lattice, tuttavia per un tetra il materasso ad aria non è una goduria.

Innanzitutto non ne sento giovamento, perchè di fatto ci appoggio solo le spalle, essendo il resto un po' sul cuscino e un po' senza sensibilità tattile (però la piaga pare trarne giovamento). Inoltre i passaggi carrozza-letto ve li raccomando. Sarà questione di abitudine ma rischio sempre il volo. Un materasso ad aria non ha la stessa sostanza di un materasso di lattice, quindi le mani affondano e tu non sai che cazzo fare. Per fortuna c'è Dasvi che si prende cura di me.

Ah, mi toccherà raccontare di Dasvi, ma questo sarà un altro post.

4 commenti:

Caterina ha detto...

Papi ben tornata!!! Che bello rileggerti. Mi dispiace per le seccature che ti hanno accompagnata in questi mesi, comunque sapere che stai bene ci rende tutti molto più sereni. :-)
Il materasso ad aria non l'ho mai provato, io sono una sostenitrice dei materassi belli duri e rigidi.
Se però dà giovamento alla piaga, viva viva il materasso ad aria!
Resto in trepidante attesa di notizie su Dasvi ed intanto ti auguro un buon 1 novembre.
Un abbraccio.

Fabrizio - ikol22 ha detto...

Sì è vero, non basta il tono scanzonato, i problemini descritti non son da poco ma si risolvono e terrei d'occhio le dita dei piedi (ma so che lo fai). In ogni caso per tanti che stanno meglio c'è anche chi sta peggio: ieri sentivo una ragazza lamentarsi perché quest'anno la stagione sciistica sembra compromessa dai venti caldi. Ti abbraccio !!!

Lillo ha detto...

E ci credo che fossi nervosetta.

L'importante è che vada meglio.

Bacio.
-L.

Papikita ha detto...

@CATERINA: Su Dasvi devo scrivere a lungo, lo farò lo farò! Un abbraccio a te.

@FABRIZIO: Devi dire alla ragazza che è una poco informata, hanno già aperto gli impianti... I problemini descritti sono cose così, che mi riguardano personalmente. C'è stato di peggio. Comunque ora si spera basta, spero. Abbraccio anche te!

@LILLO: Incrocio immaginariamente le dita. Bacio a te.